>

GRUPPO BOTANICO MILANESE NEL 2017 - GRUPPO BOTANICO MILANESE Botanica Fiori Micologia

GBM
Vai ai contenuti
RELAZIONE MORALE
PRESIDENTE SESSI


GRUPPO BOTANICO MILANESE
Estratto della Relazione morale del Presidente per l’esercizio 2018

Signori soci, porgo a tutti cordiali saluti e vi ringrazio per la partecipazione a quest’assemblea il cui ordine del giorno è noto e conforme allo Statuto. Ringrazio in quest’occasione il Direttore del Museo, Dottor Domenico Piraina e la Dottoressa Mami Azuma, per l’ospitalità riservataci da oltre quarant’anni.
Prima di esporre la relazione devo ringraziare i membri del Comitato esecutivo per la collaborazione fornitami.
                                                     ….. omissis …………
In questa sede rivolgo volentieri una particolare espressione di stima e riconoscenza al conservatore botanico Dottor Gabriele Galasso, per altro Direttore del nostro periodico Pagine Botaniche, che ci aiuta, assieme alla Signora Michela Mura, a pubblicizzare le nostre riunioni fra le persone che frequentano le molteplici attività culturali del Museo.
Il corpo sociale. Alla fine dell’anno 2018 il numero dei soci passa da 186 a 161. Con grande piacere accogliamo ben 11 nuovi soci. Peccato che 36 vecchi soci non abbiano rinnovato l’adesione alla nostra associazione.  
Contiamo di recuperare qualche socio saltuario, e magari raccogliere altre nuove adesioni, in occasione dell’attraente Settimana botanica, programmata per quest’anno in Val di Sole, con base nell’omonimo albergo, già noto e molto apprezzato nel precedente soggiorno dell’anno 2015.

Attività editoriale. Il periodico Pagine Botaniche riferito all’anno 2018 non è stato ancora completato pertanto la distribuzione avverrà nel corso di quest’anno.

Pubbliche relazioni. Il nostro sito internet viene aggiornamento periodicamente, tramite l’assistenza di un professionista. Sono benvenuti i suggerimenti per migliorarlo ulteriormente.

Attività in sede. L’attività in sede si è articolata nel 2018 in 34 incontri, sulla falsariga degli anni precedenti. Alla cattedra si sono avvicendati conferenzieri delle abituali discipline naturalistiche, di cui 9 esterni, 5 dei quali procurati dal Gruppo Ornitologico Lombardo; 25 conferenze hanno visto l’avvicendamento di valenti soci del Gruppo.

Biblioteca. Si rammenta che i libri del Gruppo possono essere presi a prestito dai soci, per qualche tempo, in osservanza del vigente regolamento di servizio.
Infine una raccomandazione: per rendere accogliente e bene organizzato il servizio di biblioteca dedicato ai soci, sono gradite le collaborazioni volontarie, in aiuto ai responsabili della biblioteca stessa (Ceffali e Cappellaro) per il riordino periodico del locale.

Mostra Micologica. La 47^ Mostra micologica è stata realizzata, come in passato, con una numerosa partecipazione di soci e simpatizzanti. La situazione meteorologica è stata condizionata dalla siccità . Pertanto le raccolte sono state scarse. Sono state presentate al pubblico 152 specie fungine, contro 110 dell’anno precedente, nel quale vi fu la peggior siccità stagionale da noi riscontrata in tanti anni di attività sul campo.  
Accanto ai funghi sono state esposti ben 143 campioni di fronde di alberi e arbusti appena recisi, contro le 130 specie dell’anno precedente. La determinazione del materiale è stata fatta da Sandro Perego, Giorgio Ceffali e Michele Di Pace mentre la raccolta del materiale stesso è stata fatta dai predetti soci veterani e da altri soci, cui va il nostro ringraziamento.  
E’ solo il caso di rammentare che l’allestimento della mostra non è un appuntamento marginale fra le nostre varie attività, anzi è momento cruciale per proporre alla cittadinanza un’esposizione di materiale fresco, fungino e floristico, finalizzata alla divulgazione scientifica, di rilevante significato pratico e con l’intento particolare di prevenire le intossicazioni da funghi.
Non va poi dimenticato che la realizzazione della mostra fa parte degli obblighi di collaborazione con il Museo. La buona riuscita della manifestazione ci consente di mantenere alto il prestigio del nostro sodalizio in questa prestigiosa sede.   
Ringrazio quindi tutti i raccoglitori senza citare i nomi per timore di dimenticarne qualcuno fra i tanti e naturalmente rivolgo un grazie particolare ai volontari che si sono prestati per l’esecuzione di lavori gravosi come lo spostamento e riposizionamento delle sedie, oppure il montaggio e lo smontaggio dei tavoli.
La determinazione del materiale fungino è stata eseguita dal nostro socio onorario Riccardo Mazza che ringrazio sentitamente. Infine non posso tralasciare di ringraziare Stefano Vianello che ha realizzato, anche per il 2018, la locandina pubblicitaria e ha allestito un’esposizione di nuove immagini fotografiche di pregevole valenza scientifica oltre che estetica.

Attività esterna. La Settimana Botanica di Bormio, dal 23 al 30 giugno, ha radunato 64 soci.
L’organizzazione ha funzionato perfettamente, grazie al paziente lavoro di Domenico Paolucci che ha curato in modo esemplare i contatti con l’albergatore e con i soci.
Il tempo meteorologico è stato sempre favorevole, cosicché gli itinerari programmati ci hanno fornito l’osservazione della copiosissima flora. Nondimeno sono state di grande interesse le osservazioni della geologia del territorio, opportunamente commentata dalla nostra socia Jordi Orso. Non mi dilungo a elencare luoghi e specie ritrovate poiché, nel prossimo numero di Pagine Botaniche, troverete un articolo dedicato all’evento.

Gite giornaliere. Grazie alla disponibilità di Flavia Angiolini e di Domenico Paolucci sono state organizzate varie escursioni che hanno visto la partecipazione di oltre una ventina di soci. Considerato il gradimento dell’iniziativa, anche per l’anno corrente, sarà confermato l’impegno degli organizzatori, come meglio precisato nel seguito di questa relazione.

Le proposte per il 2019

Settimana Botanica. Avevamo prioritariamente stabilito un ritorno a Villa Madonna di Siusi, ma da qualche anno, nel periodo di nostro interesse, l’albergo è perennemente prenotato da altra comitiva, altrettanto numerosa quanto la nostra. Anche l’opzione Carnia è stata rimandata al futuro perché impegni personali degli organizzatori, non hanno consentito il sopralluogo a Forni Avoltri, per l’ispezione degli itinerari, oltre che per la valutazione dell’albergo.
La meta del prossimo raduno è stata allora fissata a Mezzana in Val di Sole, presso l’albergo omonimo, ben noto ai soci dal 2015, anno del nostro precedente soggiorno. Motivo di ritornare in questi luoghi è il grande interesse paesaggistico, botanico e geologico. La base logistica facilita l’accesso ai grandiosi parchi dello Stelvio e dell’Adamello-Brenta.
Si rammenta che la partecipazione alla Settimana Botanica è riservata ai soci, con esclusione degli aggregati per ovvi motivi fiscali.

Gite giornaliere. I soci interessati alle escursioni giornaliere dovranno segnalare il loro indirizzo di posta elettronica e numero di cellulare ai coordinatori (Flavia Angiolini, Alberto Sessi e Domenico Paolucci). Riceveranno un programma stagionale di massima, e di volta in volta, le locandine degli itinerari con i relativi dislivelli, luoghi e orari di ritrovo, eccetera.
I partecipanti dovranno preventivamente sottoscrivere il Regolamento Gite, qualora non l’avessero già fatto in passato per frequentare le Settimane Botaniche.
Si precisa che gli accompagnatori delle gite giornaliere non sono “accompagnatori di montagna qualificati”, bensì semplici appassionati che si mettono cortesemente a disposizione, gratuitamente, per rispondere a quesiti di natura scientifica a beneficio dei richiedenti, e pertanto non potranno essere ritenuti responsabili degli incidenti che potrebbero subire i soci al loro seguito. I partecipanti non sono coperti da assicurazione contro gli infortuni, quindi chi volesse tutelarsi dovrà provvedere a proprie spese.

                                        ……………  omissis     ………………….

Conclusioni - Nel sottoporre la presente relazione alla votazione, ricordo che il Comitato esecutivo ha scrupolosamente orientato le proprie scelte in funzione degli scopi statutari, come il Collegio dei Revisori ha potuto controllare.
Si ricorda che il bilancio in esame non contiene nello Stato Patrimoniale i Costi Capitalizzati che invece sono compendiati nell’inventario. Quest’ultimo specifica i beni mobili, i volumi della biblioteca e le apparecchiature scientifiche che, nel corso degli esercizi, sono state acquistate o sono pervenute al Gruppo per donazione.
Finisco assicurando che tutte le critiche al lavoro del Comitato esecutivo sono bene accolte, con particolare riguardo alle proposte accompagnate da una concreta collaborazione con il Comitato stesso.

Milano, 21 febbraio 2019
                                                                                                    
Il Presidente (A. Sessi)



Torna ai contenuti